Rosario dei versi rubati nella notte

e allora andiamo insieme nelle notti
ma seguendo entrambi vie diverse
tu riprendendo i sogni che hai lasciato
ed io seguendo le mie ombre perse
girando in tondo come i dischi rotti
che non sanno riconoscere il già dato

allora andiamo dietro alle rovine
che solo possiede chi ha un destino
andiamo insieme senza più sapere
che pure fummo accanto in altre brine
quando si congelarono i sorrisi
nel ripetersi stanco del mattino

senza sapersi, come sempre accade
come succede a tutti gli animali
dimenticando la partenza insieme
ma ricercando solo zone calde
anche se avanzi di ore minimali
che sono sufficienti per chi teme

andiamo, andammo e forse poi ci andremo
dove ci ritrovammo quella volta
che sentivamo solo i nostri morti
ripetendoci solo: vedi? io tremo
leccando i corpi per lenire i torti
a ritrovare la sostanza tolta

senza sapere come ogni bambino
che quello che è sottratto non ritorna
che non c’è niente che si ripresenti
uguale in tutto al suo primo dentino
che mordeva il capezzolo all’intento
di ricavarne infine la sua forma

per riempire l’involucro del derma
col gas leggero di tutti i palloncini
e poi mia madre che restava ferma
nutrendomi solo con il suo dolore
rivolendo gemelli i due destini
di chi nascendo sa che poi si muore.

0 Responses to “Rosario dei versi rubati nella notte”



  1. Lascia un commento

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...




Categorie

Archivi

Follow hashtagpoesia on WordPress.com

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: