Ecco, ora sono quello che sono

Ecco, ora sono quello che sono
un fermo immagine bloccato,
misero resto di tutto il mio girato.

Ché tutto quello che era prima
e che sarebbe stato dopo
s’è bruciato,
così di me non resta
che questo piccolo resto di immagini
che nere in processione
attraversano nel buio lo schermo bianco.

7 Responses to “Ecco, ora sono quello che sono”


  1. 4 tramedipensieri 3 maggio 2014 alle 08:03

    ohhhhhh….senza parole…..

  2. 6 mandala 4 maggio 2014 alle 19:44

    Lette tutte! anch’io senza parole
    qualche volta ripenso alla raccolta “epifenomeni”, copertina fatta coi trasferibili.
    quel tempo che passò
    P

  3. 7 Mandala 4 maggio 2014 alle 22:15

    Lette tutte, anch’io senza parole!
    Qualche volta ripenso agli “Epifenomeni” con la copertina scritta con i trasferibili.
    quel tempo che passò


Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...




Categorie

Archivi

Follow hashtagpoesia on WordPress.com

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: