OS n.5.1.7

Chi lascia il vecchio sistema operativo per IL NUOVO, sa quel che perde ma non sa quello che trova.

È disponibile un nuovo aggiornamento, mi comunica la nuvoletta del writer OpenOffice. Oh, un aggiornamento, proprio quello che ci vorrebbe per me. Anzi una serie di aggiornamenti come nei software. Aggiornamenti che riparano difetti vistosi o semplici bugs. Con un sistema automatico di rilevamento dei nuovi problemi che insorgono e delle possibili soluzioni. Le articolazioni mi fanno male? con una nuova release del mio personale sistema operativo si potrebbero mettere a posto. Ho una ansia che cresce giorno dopo giorno e che sta infestando il mio hardware umano? Ecco una nuova release che sistema tutto facendomi ritrovare la fluidità del procedere senza intoppi. Ora il problema è questo: hai un computer, lo usi da anni, conosci ormai bene il suo sistema operativo, ti senti a tuo agio nel pannello di controllo, nella gestione delle applicazioni, ok tutto va per il meglio. Ma a un certo punto viene annunciato IL NUOVO SISTEMA OPERATIVO, che manderà in pensione il tuo. I nuovi software saranno scritti per il nuovo sistema, il tuo vecchio sistema non avrà più aggiornamenti e ti troverai di fronte ad una scelta: restare col vecchio sistema operativo, con i programmi congelati alla data dell’ingresso della nuova versione, con il tuo sentirti a casa tra i menu che conosci bene, i colori e le altre cose? Oppure passare al NUOVO, ma sconosciuto (almeno in parte) SISTEMA OPERATIVO? E che ne sarà delle vecchie applicazioni? Riuscirai ad usarle? Dovrai partire da zero adeguandoti ai nuovi dettati del NUOVO SISTEMA, dovrai imparare di nuovo termini leggermente cambiati, riconoscere icone che hanno nuovi colori e forme eteree. Restando fedeli al vecchio accetterai una progressiva esclusione da ogni tipo di miglioramento evolutivo della tua macchina. Ti resterà il conforto di sentirti a casa tua, di riconoscere ogni pagina e ogni programma con quel tepore che dà la familiarità. Ma se avrai un problema con un programma, con un driver o con altro dovrai mettere in conto che dovrai pensarci tu, perché non ci saranno più aggiornamenti. Scegliendo il sistema operativo nuovo ti sentirai come se ti avessero depilato il corpo intero, come se ti avessero scuoiato, ti sentirai un po’ ospite e un po’ nudo di fronte a quelle nuove finestre, ai menu che sono diventati trasparenti. Ci saranno un sacco di cose da automatizzare di nuovo, ma il vantaggio lo troverai nelle soluzioni agli inevitabili problemi che incontrerai. Aggiornamenti continui sapranno ristabilire il precario equilibrio del tuo computer. E accade che anche la vita si presenti con IL NUOVO SISTEMA OPERATIVO proprio per te. Così il problema della scelta si ripresenta analogo a quello della scelta precedente. Non cambiare significherà non poter più godere dei pronti interventi che risolvono bugs o conflitt. Ad esempio non faranno più nuove release per non far peggiorare la tua vista o per arrestare la perdita dei capelli o intervenire sull’apparato digerente. Certo avrai dalla tua il dolce tepore delle cose a te familiari, dei tempi di attesa che conosci, delle situazioni sociali dalle quali hai imparato a non farti schiacciare. Ma alla lunga, e non tanto, non potrai non assistere ad un progressivo deterioramento del tuo essere, per mancanza di manutenzione e per la crescente impossibilità di comunicare con quanti hanno invece adottato IL NUOVO SISTEMA OPERATIVO. Detta così sembrerebbe che non ci sono dubbi: per stare bene, per trovare soluzioni ai problemi, per essere in sintonia con quanti e quanto ci sta intorno bisogna tassativamente adottare IL NUOVO SISTEMA OPERATIVO. Quando questo non avviene, e ve lo posso garantire perché ci sono dentro, allora si va verso una lenta sparizione, si diventa più rarefatti, è una specie di lenta ma inesorabile evaporazione. Si saranno sottratte tante di quelle cose e rinunciato ad altrettante possibilità di nuovo, che si finirà per diventare come rinsecchiti, secchi, senza più linfa vitale. E tutto questo perché da sempre ci è mancato il coraggio di prendere la strada nuova, preferendo la sicurezza di quella che abbiamo percorso e che ci ha percorso asfaltandoci negli anni.

0 Responses to “OS n.5.1.7”



  1. Lascia un commento

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...




Categorie

Archivi

Follow hashtagpoesia on WordPress.com

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: